Italia-Brasile: un interscambio che punta a crescere

Nov
2014
26

scritto da in News

Ad oggi il Paese sudamericano si posiziona al 20° posto tra i partner dell’Italia. Circa il 65% dell’export italiano riguarda prodotti ad elevato contenuto tecnologico

Italia-BrasileL’Ufficio ICE di San Paolo ha diffuso negli scorsi giorni i dati 2013 relativi agli scambi commerciali tra Italia e Brasile. In base a tali dati, risulta che gli scambi commerciali tra i due Paesi sono stati pari a 8,2 miliardi di euro, collocando il Brasile nella 20° posizione tra i Paesi partner dell’Italia (il secondo Paese più importante nelle Americhe). Tradizionalmente l’import-export italiano per più del 50% si concentra nei Paesi dell’Unione Europea seguiti dagli USA e dalla Cina.

Per il Brasile, l’Italia rappresenta l’8° Paese partner dopo Cina, USA, Argentina, Germania, Olanda, Giappone e Corea del Sud, con una quota del 2,24% rispetto al commercio estero totale del Paese.
Il saldo della bilancia commerciale tra i due Paesi, pari a 1,8 miliardi di Euro a favore dell’Italia, ha contribuito per il 6,6% alla formazione del saldo della bilancia commerciale italiana.

Le esportazioni italiane verso il Brasile si sono mantenute in un volume approssimativamente costante negli ultimi tre anni (intorno ai 5,1 miliardi di euro nel 2013), con una quota dell’1,35%, collocando il Brasile nella 17° posizione.
Circa il 65% delle esportazioni italiane verso il Brasile riguardano prodotti ad elevato contenuto tecnologico, compresi secondo la Nomenclatura Comune del Mercosul nel capitolo 84 (macchine, apparecchi e strumenti meccanici), 85 (macchine, apparecchi e materiale elettrico), e 90 (strumenti, apparecchi di ottica, fotografia e affini). Tra questi spicca il gruppo delle macchine ed attrezzature, che da solo risponde per il 41,4% delle esportazioni italiane verso il Brasile.

Le importazioni italiane dal Brasile con una quota dello 0,9% sull’import totale, per un valore di 3,2 miliardi di Euro (2013), fanno sì che il Brasile figuri nella 23ª posizione tra i fornitori dell’Italia.
Approssimativamente il 60,1% delle importazioni italiane provenienti dal Brasile sono composte di prodotti classificati nei capitoli 09 (caffè, the ed altre spezie), 41 (pelle e cuoio), 47 (pasta di legno e di altri materiali fibrosi) e 26 (prodotti minerari di cui per i minerali di ferro il Brasile risulta il principale fornitore per l’Italia (24,1%).

Analizzando questi dati sotto l’ottica del Brasile, l’Italia risulta essere il 13° principale cliente e le esportazioni verso l’Italia rappresentano l’1,7% (tra i Paesi europei rappresenta il secondo principale mercato dopo la Germania), mentre le importazioni dall’Italia rappresentano il 2,8% dell’import totale (8° posto tra i principali Paesi fornitori e secondo più importante in Europa dopo la Germania).

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail