Banco Central pubblica circolare sulle modifiche nel Registro di Investimenti Stranieri Diretti

Feb
2017
17

scritto da in News

Banco CentralIl 30 gennaio 2017 sono entrate in vigore due nuove circolari della Banca Centrale del Brasile che hanno introdotto novità in merito al registro degli investimenti stranieri diretti in Brasile.

L’investimento straniero diretto è caratterizzato dalla capitalizzazione del valore corrispondente a beni di proprietà di non residenti, investiti in società brasiliane. In tal senso, tutti i valori inviati da persone straniere, fisiche o giuridiche, alla società brasiliana sono considerati investimenti stranieri diretti.

Tali valori devono obbligatoriamente essere registrati nel Sistema Online della Banca Centrale (“Sisbacen”), sotto pena dell’applicazione di una multa all’impresa brasiliana, il cui valore può arrivare a R$ 250.000,00 (duecentocinquanta mila reais).

Con la nuova circolare, il termine per il registro di tale informazione è divenuto di 30 (trenta) giorni, contando dalla data in cui si è verificato l´evento che ha modificato la partecipazione societaria dell´investitore straniero, essendo tale data considerata quella del registro della corrispondente modifica contrattuale.

Dopo la citata data, l´impresa che non realizza il registro dell´investimento straniero dinanzi il Sisbacen è già soggetta alla multa.

Un´altra novità introdotta dalla circolare in questione è la necessità di aggiornare il patrimonio netto della società brasiliana dinanzi il Sisbacen almeno una volta l´anno.

Le imprese beneficiarie di investimenti stranieri che possiedono attivi o patrimonio netto inferiori a R$ 250.000.000,00 (duecentocinquanta milioni di reais) devono aggiornare il proprio patrimonio netto una volta l´anno, entro il 31 marzo, dovendo considerare come data di riferimento quella 31 dicembre dell´anno precedente.

Le imprese beneficiarie di investimenti stranieri che possiedono attivi o patrimonio netto superiori a R$ 250.000.000,00 (duecentocinquanta milioni di reais) devono aggiornare il proprio patrimonio netto quattro volte l´anno, nelle date del 31 marzo, 30 giugno, 30 settembre e 31 dicembre, essendo considerate come date di riferimento rispettivamente quelle del 31 dicembre, 31 marzo, 30 giugno e 30 settembre.

Inoltre, è importate sottolineare che la Banca Centrale si riserva il diritto di, per i 5 (cinque) anni successivi al registro dinanzi il Sisbacen, richiedere documenti che comprovino le informazioni inserite nel sistema.

La nostra equipe che segue le attività dinanzi la Banca Centrale è a disposizione per assisterVi nella regolarizzazione di tutte le informazioni nel sistema Sisbacen.

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail